Primarie USA: vincono le donne!

L’8 giugno 2010 è stato un giorno molto importante per le future candidate al Senato degli Stati Uniti. In ben 11 stati americani si è infatti votato per rinnovare la camera del Senato (vd. mappa del voto sul New York Times).

Dopo la vittoria di Obama, l’ondata al femminile di questo “Big Tuesday” è il secondo segnale di rinnovamento che viene dalle urne americane. I votanti hanno scelto donne in gamba, grintose, donne in carriera, di successo. È questo il dato più interessante di questa tornata elettorale, che non ha registrato né una disfatta degli incumbment, né un’avanzata travolgente del Tea Party.

In California hanno vinto due repubblicane: Meg Whitman, ex amministratore delegato di eBay sarà candidata per sostituire l’uscente governatore Arnold Schwarzenegger, mentre Carly Fiorina, ex dirigente di Hewlett-Packard correrà per il Senato contro la democratica Barbara Boxer.

In Arkansas la senatrice democratica moderata, Blanche Lincoln, ha battuto a sorpresa il candidato sostenuto dai sindacati e dalle associazioni ambientaliste, Bill Halter. La vittoria non era affatto scontata dopo la disfatta di Ariel Specter in Pennsylvania. Nonostante l’appoggio di Obama e di Clinton si temeva la sconfitta a causa del malcontento che circola contro l’establishment di Washington.

In Nevada, infatti, non sarà una passeggiata per il leader della maggioranza democratica al Senato, Harry Reid. Il Senatore non gode di una buona popolarità in questo periodo, mentre la conservatrice ed ex insegnante,Sharron Angle, sostenuta dal Tea Party, vince le primarie e si prepara per il Midterm pregusta la possibilità di conquistare la poltrona di governatore.

In South Caroline, la bella repubblicana di origini indiane sikh, Nikki Haley, riesce a sbaragliare gli avversari interni grazie all’appoggio del Tea Party e di Sarah Palin. Nonostante la minaccia dello scandalo sessuale, la notizia del doppio adulterio ha fatto piuttosto bene al suo bagaglio di consensi e indenne si presenterà al ballottaggio del 22 giugno. Solo per un soffio, infatti, non supera il 50% dei voti per poter conquistare subito la candidatura al posto di governatore.

Dopo le primarie per il Senato e quelle tenute per la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, si attendono dunque le elezioni di medio-termine di novembre. Un banco di prova importante per Obama, contando che al momento i democratici dispongono di 59 seggi al Senato, compresi due indipendenti, e hanno una maggioranza di 40 seggi alla Camera dei Rappresentanti. Di certo i democratici, ma soprattutto gli stessi repubblicani, dovranno stare attenti alle ‘Grizzlies moms’, le donne della Polin (ben quattro).

Intanto le quote rosa del globo impegnate in politica gioiscono per la vittoria bipartisan delle donne nella politica americana.

Marina Ripoli

Annunci

1 Commento

Archiviato in esteri, newsletter

Una risposta a “Primarie USA: vincono le donne!

  1. Spero vivamente che “l’ondata di rinnovamento politico”, tutta al femminile, raggiunga anche l’Europa e con essa, soprattutto, l’Italia. Da centinaia di anni il surclassamento dell’uomo di potere nei confronti delle donne, a mio parere, ha ritardato un processo di maggiore civiltà sociale. Auguri alle future senatrici e a te. A presto F.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...