Strategia “Ghe pensi mi”

Quanti grattacapi per il premier: Brancher, Cosentino, la manovra economica, la protesta delle Regioni, il nodo delle intercettazioni, i rapporti istituzionali con il Quirinale, i rapporti con Fini, con la Lega, la gestione del PDL, l’avanzata di un fantomatico Terzo Polo. Beh… “Meno male che Silvio c’è!”.

Ed infatti, prima che tutto potesse sfuggirgli di mano, il Presidente del Consiglio decide di intervenire!

Niente di nuovo sotto il sole, insomma… L’impeto di superomismo del Cavaliere è in linea con la sua immagine e con le sue strategie elettorali. Berlusconi, d’altronde, non è mai stato un esempio di leadership partecipativa[1], non ama delegare… Lui fa tutto da solo e il “Ghe pensi mi” del premier, come la campagna acquisti presso la squadra dei finiani[2], ne sono solo una dimostrazione. 

Questo suo intervento così imponente, in moltissimi ambiti della politica di Governo e della politica interna al PDL, implica però un indebolimento della credibilità della sua squadra, già debilitata dalle numerose inchieste giudiziarie.

Quando infatti un leader scende in campo in prima persona, invadendo ogni ambito… Viene intaccata la credibilità dei suoi collaboratori. Ciò, probabilmente, passa in secondo piano, rispetto agli interessi in campo e all’emergenza dei problemi da risolvere. Tra questi ultimi, il più grave è il continuo conflitto interno al partito del Popolo della Libertà. I rapporti con Fini, oramai, sono alle strette. Anche Letta non è riuscito a ricucire.

Lo scenario che si profila è sempre più teso e difficile. Nel frattempo Berlusconi si appresta ad azzerare ogni tipo di corrente e fondazione all’interno della formazione politica. Ne concede la sopravvivenza solo per lo svolgimento di iniziative culturali.

Di personalismi, in pratica, non ne vuol sentir parlare… basta il suo! 

Nello scorso articolo apparso in anteprima su Spinning News il 9 luglio, tenendo conto dello scollamento interno al PDL, avevo osservato che il premier avrebbe dovuto concentrarsi sul rafforzamento dell’alleanza con la Lega (in bilico fino all’attuazione del tanto agognato federalismo) e sull’opportunità di disinnescare l’eventuale formazione del Terzo Polo.

Berlusconi, infatti, non perde tempo e mette a segno un altro step della strategia del “Ghe pensi mi”, così nel corso di un party romano invita Casini ad entrare nel Governo… peccato che la Lega non sia per niente d’accordo! 

Marina Ripoli


[1] K. Lewin e R. Likert.

[2] Dei tentativi di Berlusconi di fare campagna acquisti presso la corrente finiana avrebbe parlato lo stesso presidente della camera, raccontando che il premier “li chiama uno ad uno, persino quelli che l’hanno visto solo in fotografia, e gli dice: io e te dobbiamo parlare, vienimi a trovare”.

Lascia un commento

Archiviato in newsletter, paRTITI POLITICI

Tutti colpevoli, nessun colpevole!

In Italia ormai da troppi anni la credibilità della classe politica è davvero, purtroppo, molto scarsa. Ma perché siamo arrivati a questo punto?
Non so se e quanto volutamente, ma ancora una volta l’attuale Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha fatto bene i calcoli.
Se infatti c’era una cosa per la quale la sinistra italiana poteva andar fiera era la sua “purezza etica”; non che questo significasse che a destra fossero tutti cattivi e a sinistra tutti buoni, ma sicuramente era ben spendibile a livello elettorale. Quello che invece siamo stati abituati ad osservare in questi ultimi anni è che anche a sinistra non sono tutti dei “santi” e a questo punto diventa molto difficile spiegare che Silvio Berlusconi e i suoi alleati sono corrotti, amanti solo della bella vita e molto altro ancora. Davanti ad una situazione del genere è assolutamente normale che la sinistra abbia perso la sua credibilità.
Silvio Berlusconi infatti negli anni non è affatto cambiato, così lo conoscevano gli italiani così lo continuano a conoscere: c’è chi lo ha sempre amato e continua a farlo c’è chi invece lo ha sembra odiato e continua a farlo; ci sono poi anche coloro che hanno cambiato idea ma per altri motivi non per come è Silvio Berlusconi. Il cambiamento invece è stato fatto da alcuni uomini della sinistra anche se non da tutti, ma questo non è bastato a far sì che gli italiani mettessero la classe politica tutta in un unico pentolone!
È anche e soprattutto per questo che quindi gli elettori, soprattutto quelli di centro-sinistra non abbiano più fiducia di questa classe politica, perché ai loro occhi: “Sono tutti uguali!”.

 

Ora la cosa ancora più interessante sarebbe quella di capire se ancora una volta tale situazione è frutto di una strategia di Silvio Berlusconi o se invece è stata solo la negligenza di qualche esponente di sinistra a far sì che si creasse la situazione attuale: ma per risolvere questa enigma ci vorrebbe molto più di un articolo!

Luca Checola

1 Commento

Archiviato in newsletter

Più coraggio in Campagna Elettorale!

La campagna elettorale tra targetizzazione dei messaggi su base territoriale, utilizzo integrato di media tradizionali e social media e ascolto. Ecco gli ingredienti dello straordinario successo personale della campagna dell’esponente del Pd Roberto Placido, vicepresidente del Consiglio Regionale piemontese, che Spinning Politics ha incontrato per voi. Un punto di vista unconventional, che invoca più coraggio nella comunicazione elettorale e nell’informazione in generale.

 

Nonostante lo straordinario risultato personale il centrosinistra è stato sconfitto alle scorse regionali. Secondo lei, sono stati commessi errori dal punto di vista della strategia comunicativa o si è persa qualche occasione nel passaggio di determinati messaggi?

La vittoria personale lascia l’amaro in bocca e per spiegarlo faccio l’esempio calcistico: la soddisfazione di un buon risultato personale non cancella l’amarezza della sconfitta della squadra. Ci sono stati senz’altro degli errori nella comunicazione, forse maggiormente per quanto riguarda la campagna della candidata alla presidenza Bresso: la campagna non ha tenuto sufficientemente conto della realtà delle altre province piemontesi, che sono una cosa diversa dalla realtà di Torino e provincia sia in termini di risultati elettorali che in termini di organizzazione sociale, reddito, tradizione, storia; non è vero che, come dicono alcuni, c’è Torino e provincia e poi “l’altro Piemonte”. Semplicemente esistono sul territorio realtà completamente diverse. Uno dei problemi è stato quello di non essere riusciti a declinare uno slogan adattandolo alle varie realtà. La campagna ombrello è andata piuttosto bene, poi però sarebbe stato necessario declinare la comunicazione … cosa non facile. Questo è uno dei limiti della comunicazione, d’altronde è nel fare tante cose che capita che alcune non riescano molto bene.

Cosa ha caratterizzato la comunicazione politica del PD piemontese durante la scorsa campagna elettorale? Come si è articolata la battaglia con Roberto Cota e quali argomenti hanno maggiormente contribuito alla vittoria dell’avversario politico?

Per qualche verso è stata una questione di risorse: il Pd non aveva grandi risorse, la maggior parte di esse sono state usate per la campagna del presidente e gestite dal suo staff. Il Pd è stato solo un supporto tecnico economico ma non nelle decisioni.
Il Pd ha fatto slogan che attaccavano e si contrapponevano ad alcuni slogan della Lega, ad esempio “tute blu, non camicie verdi”; slogan che sono stati parte di una campagna coraggiosa che ha portato consenso e critiche al tempo stesso. Anche in questo caso una campagna molto efficace per alcune delle province e non efficace per le altre.
La campagna ha avuto però il pregio di essere coraggiosa, e questo è positivo se si considera che spesso in politica manca il coraggio nella comunicazione. 

Che rapporto esiste secondo lei tra la strategia politica e quella comunicativa, ovvero, a che punto le due si dividono? Quale ha pesato maggiormente nella sconfitta in Piemonte?

Si sovrappongono, ma la strategia comunicativa è funzionale alla strategia politica e non il contrario.
Un partito può, ad esempio, anche decidere una strategia comunicativa che può sembrare folle, ma si tratta poi di capire qual è la strategia politica che sottende ad essa. Personalmente ho fatto alcune campagne molto nette e coraggiose, che avevano alla base una chiara strategia politica. Anche una delle mie ultime campagne di comunicazione ha visto una chiara strategia politica che si è tradotta, ad esempio, nella quasi inesistenza della classica campagna di comunicazione esterna – cosa che ha creato anche qualche tentennamento da parte delle persone più vicine a me -; in quel caso c’era una strategia più articolata ma meno visibile che ha dato infine i suoi frutti. Naturalmente, come in tutte le campagne elettorali, un risultato non positivo sarebbe stato indice di una campagna condotta in modo sbagliato… Prendiamo l’ultima campagna elettorale: da una parte si è registrata strategia di bassissimo profilo e soprattutto una bagarre di grandi proporzioni per quanto riguarda, ad esempio, i manifesti elettorali. Capita, come è successo qui in Piemonte, che campagne elettorali che sfruttano enormi quantità di risorse possono risultare fallimentari nel risultato e causa di sprechi significativi.
Personalmente avevo pensato di uscire con una campagna senza volto sui manifesti – cosa che mi è stata sconsigliata – e solo con il cognome, il “brand” principale, proprio perché non volevo aggiungere a tutti i volti presenti sugli altri manifesti anche il mio; in seguito ho scelto una foto del mio viso ritratto in una posa espressiva seria, non sorridente, benché il sorriso sia uno degli aspetti positivi del mio volto e che mi caratterizza di più; la scelta risponde a questo ragionamento: in questa situazione economica drammatica “non c’è mica da ridere” e un cittadino che ha perso il lavoro, che rischia di perderlo, che magari ha il figlio disoccupato potrebbe guardare il manifesto e dirsi che non c’è nulla da sorridere, avvertendo che è più semplice sorridere per chi ha una posizione privilegiata rispetto alla propria.
Anche l’attenzione al colore utilizzato per i manifesti, per il sito e durante tutta la campagna è stato per me una scelta forte: sono stato l’unico candidato ad aver usato il rosso, colore che contraddistingue la mia storia politica, la mia appartenenza, l’idea politica e il contenuto: insomma, è il mio colore politico.
Il claim utilizzato era collegato all’azione politica e faceva poco riferimento a ciò che può essere percepito come l’ennesima promessa. Ho giudicato perdente e un po’ presuntuosa la scelta di chi ha scelto di affiggere manifesti che riportavano solo nome cognome e semmai il volto.
La strategia comunicativa ha dato ampio spazio alla personalizzazione.

Quanto spazio è stato dato durante la scorsa campagna elettorale alla comunicazione ed all’informazione attraverso i social media?

Personalmente ne ho fatto largo uso, io utilizzo tutto ciò che c’è di nuovo, sono molto curioso; deve però essere chiaro che i social media sono complementari e aggiuntivi, nella comunicazione, rispetto ai media tradizionali e tali resteranno. I social media esprimono un modo di comunicare ed una società che sta cambiando. Un dessert buono rende un pranzo indimenticabile, ma non devono mancare il primo e il secondo: ad oggi i social media e i social network non sono ancora il primo e il secondo.

 “Dillo a Placido”: informare, creare consapevolezza e trasparenza e incentivare la vicinanza con i problemi del cittadino-elettore. C’è legame tra questa esperienza e il risultato elettorale personale, e come si è inserita questa modalità di informazione e comunicazione nella campagna elettorale?

“Dillo a Placido” è stata proprio una bella esperienza. Per tre mesi ho condotto questa trasmissione che non parla di politica, non ha copione prestabilito, ma mette a disposizione degli spazi dove ognuno porta i propri argomenti. La trasmissione non prevede interventi telefonici, a volte in grado di monopolizzare gli spazi. Si tratta di un’esperienza nata un po’ per caso ed è a metà tra “1/2 Ora” dell’Annunziata e “Stranamore”: come “1/2 Ora” è un programma di informazione, come “Stranamore” c’è un grande furgone itinerante con il mio volto, il logo della tv e il titolo della trasmissione. Gli inviti a seguire la trasmissione arrivavano a tutti e venivano distribuiti nella località dove sarebbe arrivato il furgone con anticipo, così da invitare tutti a prendere parte alla fase preparatoria e a creare aspettativa e passaparola: arriva Placido! Dillo a Placido!
Gli argomenti trattati vanno da quello della sicurezza e ordine pubblico, alla sanità, il lavoro, la casa, i trasporti, insomma, argomenti quotidiani e concreti.
Che abbia funzionato, beh, lo dice un episodio simpatico che le racconto: un mese o due dopo che la trasmissione si è interrotta per dar spazio alla campagna elettorale, il Comune di Torino ha fatto una campagna per promuovere le affissioni comunali rivolta alle aziende private e la campagna, graficamente non eccezionale, riportava il claim “Dillo a tutti”: vedendola in molti si sono ricordati della mia trasmissione e hanno pensato che avesse preso di nuovo il via. Da questo desumo che dal punto di vista comunicativo la trasmissione ha fatto centro.

 Cosa pensa di quello che sta accadendo in questi giorni al sistema di informazione pubblico e privato, e come pensa questo possa incidere sulla comunicazione delle minoranze politiche?

Un paese è democratico quando l’informazione è libera. Se la stampa non lo è completamente questo è segno di non democraticità. Ognuno deve essere libero di scrivere quello che vuole, se interviene un contenzioso ognuno ha delle responsabilità e chi sbaglia paga, ma il controllo non può avvenire a monte: questo appartiene ai regimi. Un’informazione genuflessa e orientata a magnificare l’opera di determinate personalità non giova alla democrazia. Se posso trovare un difetto della stampa italiana è proprio che questa è fin troppo poco irriverente e troppo poco irriguardosa verso la politica, a differenza della stampa anglosassone: in quel caso i giornalisti sono duri e vogliono delle risposte dal politico. Il giornalista deve chiedere al politico i perché e i come mai.

 Intervista a cura di Daniela Bavuso e Luca Checola

 

Lascia un commento

Archiviato in comunicazione politica, intervista, newsletter

Le vere “miniere d’oro” di Milano

Il marketing territoriale è solo una delle possibili vie che i policy-maker territoriali possono intraprendere per attuare lo sviluppo del territorio in chiave economica. Utilizzando le tecniche proprie del marketing management alla pianificazione territoriale, ci si pone, tra gli altri, l’obiettivo di attrarre nuove imprese, attività economiche, residenti, turisti, lavoratori sul territorio e/o di valorizzare l’insieme delle risorse (economiche, finanziarie, umane ed ambientali) possedute, ponendo come parametro di valutazione la soddisfazione dei clienti dell’“impresa-territorio”: stakeholder e target market.

Il calcio rappresenta sicuramente una delle maggiori “miniere d’oro” che i vari enti locali possono sfruttare. Nel caso specifico, Inter e Milan non sono solamente delle semplici squadre di calcio. Al contrario, sono attori ben organizzati che si muovono alla perfezione nei complessi scenari geoeconomici del mondo globale. Le due squadre milanesi, più di altre squadre italiane, sono infatti il paradigma perfetto della globalizzazione. Le voci che suffragano questa tesi sono molte: la forte presenza di calciatori stranieri nelle proprie rose, che sfiora il parossismo nel caso dell’Inter. La rete di osservatori tecnici sparsi in giro per il mondo. Più di tutto però, la presenza commerciale del loro brand nei vari mercati mondiali, una dimensione che ormai orienta in modo determinante anche le strategie tecnico-calcistiche delle due squadre, soprattutto alla voce acquisti.

Questo viene inoltre confermato da quanto le società hanno a cuore i risultati sportivi in campo internazionale. Il palcoscenico europeo crea evidentemente dei benefici significati anche e soprattutto per la città di Milano.

Solo per citare alcuni dati, lo stadio Meazza di San Siro vale circa 30 miliardi di euro come ritorno di immagine internazionale per Milano. Complessivamente, l’indotto turistico (tra ricettività, ristorazione, shopping, trasporti) generato dai grandi eventi sportivi di carattere internazionale, quali le partite di Champions League a Milano e il Gran Premio d’Italia a Monza, è di oltre 124 milioni di Euro e vale circa 830 imprese per quasi 1.600 posti di lavoro. Solo la Champions League, se le due squadre milanesi fossero arrivate fino alla fine della competizione senza incontrarsi prima, avrebbe generato un indotto turistico stimato in circa 95 milioni di euro, con circa 630 imprese per oltre 1.200 posti di lavoro. La sola partita di Champions League Inter–Barcellona, che si è giocata il 16 settembre 2009 a Milano, è valsa per il capoluogo lombardo oltre 9 milioni di euro di indotto turistico. Questo è quanto risulta da una stima dell’Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza a partire da Anholt Brand Index, dati Autodromo, Registro Imprese, Istat, Censis, Isnart, Istituto Tagliacarne, Provincia di Milano.

Luca Checola

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Guai a toccare la Nazionale!

In Italia si può criticare tutto e anche in modo molto feroce: i giudici, gli immigrati, i politici, i meridionali, i pubblici dipendenti, ecc. ma guai a toccare la nazionale di calcio.
A questo proposito ha fatto bene in termini di convenienza politica il leader della Lega Nord Umberto Bossi a pronosticare una vittoria “comprata” dell’Italia contro la Slovacchia?
Sono molte le interpretazioni che possono essere fatte delle parole di Bossi, ma probabilmente questa volta ha fatto male i conti, anche perché è difficile pensare a un Silvio Berlusconi contento per i danni diplomatici che queste affermazioni possono causare con i nostri alleati slovacchi: e allora era proprio necessario fare un’uscita del genere?
Oltre a questo, in comunicazione è molto importante ottenere una o più reazioni ai comportamenti e/o parole che vengono dette, ma è altrettanto fondamentale bilanciare tra le critiche e gli apprezzamenti, anche perché Umberto Bossi non ha affatto bisogno di attuare la linea di pensiero: bene o male, basti che se ne parli!
Nel mio piccolo onestamente potrei essere anche contento perché ancora una volta viene dimostrato lo stretto legame tra il calcio e la politica, ma in realtà potevamo anche fare a meno di questa ennesima controprova!

 Detto questo, però, è importante aggiungere che sarebbe bello se questo spirito patriottico venisse dimostrato non solo per la nazionale di calcio ma anche, e soprattutto, per problemi sociali un pochino più vitali: cercare di uscire al più presto dalla crisi economica, cercare di creare un futuro migliore per i giovani e allo stesso tempo garantire una vecchiaia dignitosa ai nostri pensionati; insomma continuiamo a tifare tutti insieme la nazionale (anche se purtroppo non a questi mondiali), ma non dimentichiamoci delle vere priorità del nostro Paese! 

Luca Checola

Lascia un commento

Archiviato in newsletter

UDC Lombardia: il segreto è l’ascolto!

Cercare nuova legittimazione presso un elettorato “stanco delle parole a cui non seguono fatti” e della “politica urlata”; farlo attraverso la presenza sul territorio e la sperimentazione di nuove tecniche di informazione e diffusione dei messaggi politici tramite l’uso dei social network: è questa la via del consenso secondo Enrico Marcora, Consigliere Regionale dell’UDC lombardo, che questa settimana Spinning Politics ha incontrato per voi. Nulla è lasciato al caso, prima di tutto l’ascolto, la prima pietra su cui edificare un solido consenso.

Tre elementi a cui deve le sue recenti vittorie elettorali?

Sostanzialmente uno: la presenza sul territorio.
Due campagne elettorali in meno di un anno sono di certo faticose ma soprattutto hanno rappresentato per me una grande opportunità.
Girando i mercati e le città ho potuto infatti incontrare molte persone: semplici cittadini ma anche imprenditori, persone del mondo dell’economia, della cultura e dell’associazionismo; realtà con cui continuo a confrontarmi perché credo che l’errore più grande che possa fare un politico è quello di essere presente e attivo solo in campagna elettorale e poi eclissarsi nei palazzi delle istituzioni.
Parlando con loro, con l’intenzione di raccogliere consensi e consigli, mi sono accorto che in realtà le cose non stanno come d’intorno si favoleggia.
La gente non è affatto stanca della politica, non è allergica ai valori e alle idee che diventano progetti, è solo stanca delle parole cui non seguono fatti, delle promesse mai mantenute, della politica urlata e dei litigi. E’ preoccupata di non essere più il centro dell’azione dei partiti.
Un secondo elemento è stato forse la capacità di rendere capillare il mio messaggio grazie anche ai social network come facebook, le mail e il sito internet.

Come l’UDC lombardo sta gestendo la comunicazione in questo periodo di crisi interna?

La comunicazione per un partito ha assunto ormai un ruolo fondamentale. È importante far conoscere ai cittadini cosa si fa per loro, come è altrettanto fondamentale ascoltare le loro esigenze. La comunicazione politica deve uscire dal pantano dell’autoreferenzialità in cui è finita. Troppe volte è poco comprensibile e i messaggi sono solo ad uso e consumo della dialettica interna ai partiti. Noi puntiamo ad una comunicazione essenziale, concreta e soprattutto propositiva. La logica del bipolarismo muscolare ha purtroppo intaccato anche la comunicazione, ma di fronte a questa grave crisi economica, che ha gravi ripercussioni sull’occupazione anche nella eccellente Lombardia, il nostro partito punterà sui propri valori fondanti per fornire ai nostri numerosi e potenziali elettori una prospettiva concreta di uscita dalla crisi e un’idea diversa di politica.

Come si prepara l’UDC dal punto di vista della comunicazione alla prossima tornata elettorale (elezioni cittadine di Milano 2011)? E quali sono i maggiori ostacoli da superare e gli obiettivi da raggiungere in termini elettorali?

Continuando a lavorare con serietà, forti della nostra autonomia e dei nostri valori. Abbiamo già individuato alcune priorità programmatiche e alcune idee per Milano, tuttavia sarà importante intraprendere anche campagne di comunicazione volte all’ascolto delle istanze dei milanesi, magari attraverso il nostro sito internet che sta per essere rinnovato. 

Quali sono secondo lei i mezzi migliori per attuare un buon piano di ascolto del territorio?

Insisto nel sottolineare l’importanza del rapporto umano. Io dedico buona parte della mia giornata ad incontrare le associazioni e le realtà che sono attive sul territorio, nasce con le persone un reciproco rapporto di fiducia e solo così riesco a capire quali sono le reali esigenze, confrontarmi e cercare insieme le soluzioni da proporre a livello istituzionale.
Credo che la politica e i politici debbano tornare col loro aspetto migliore tra la gente. Per questo, dopo la nascita del circolo della Costituente di Centro Alcide De Gasperi di viale Espinasse 160 a Milano, sto seguendo con entusiasmo il fiorire in tutta la Provincia di Milano di altre realtà simili.
Luoghi dove le persone che credono in un presente e un futuro migliori e che vogliono operare per il bene comune e del proprio territorio possono incontrarsi e confrontarsi per arricchirsi tutti delle idee degli altri. Uno spazio a disposizione quindi per informare, ascoltare, trovare e proporre quelle soluzioni che sembrano le migliori.

Che rapporto c’è tra il vostro partito e gli elettori indecisi tra centro-sinistra e centro-destra?

È il nostro “mercato elettorale” di riferimento. Questo bipolarismo muscolare ha ingessato il dibattito e le sviluppo del Paese. Le contraddizioni interne ai due maggiori partiti sono sotto gli occhi di tutti e per questo credo che l’interesse verso il nostro partito non potrà che aumentare.

Intervista a cura di Daniela Bavuso

 

Lascia un commento

Archiviato in intervista, newsletter

Parole “pesanti”

Cosa si nasconde dietro le parole, se non la cultura di una comunità?
Il bagaglio simbolico di un gruppo di individui che condividono la varietà e la complessità di un sistema di segni vocali, un proprio linguaggio?

E in politica? In una comunità di militanti, la cultura di partito ha una storia e un significato, una sorta di costellazione di ideologie, miti, credenze, rituali, linguaggi. Cosa sono, dunque, gli appellativi “Compagni”, “Amici” o “Camerati” se non le parole che costituiscono questa costellazione, simboli che evocano emozioni e spingono gli uomini ad agire. Sono gli emblemi di un vocabolario specializzato, veicoli della comunicazione interna di alcune organizzazioni politiche. Parole che hanno costruito e mantenuto socialmente eredità storiche e valutazioni culturali. Parole che, al di fuori dei propri gruppi di appartenenza e dei partiti che le utilizzano, non rappresentano lo stesso universo di significato con il quale s’identifica il militante.

E nel Partito Democratico cosa significano gli appellativi Compagni e Amici? Anche qui sono qualcosa di più di termini, parole… “significano” qualcosa di più. Altrimenti non si spenderebbero quei due o tre minuti in più, ad inizio di ogni discorso, per salutare l’uditorio con entrambi i nominativi. Non nascerebbero polemiche se l’attore Gifuni (non tesserato), quasi in un impeto liberatorio, si rivolge ad una platea di Democratici con un ‘pericoloso’ «Compagne e Compagni!».

Il punto è che questi appellativi continuano ad essere motivo di distinzione e non di fusione all’interno della formazione democratica. Sono il sintomo della difficoltà che questa formazione politica ha nel lasciare il vecchio per il nuovo; o meglio la difficoltà del trasformarsi, proiettandosi verso il futuro, ma non abbandonando i retaggi del passato.

Le difficoltà, così, diventano resistenze al cambiamento…

E oppongono resistenza coloro che sentono la necessità di riaffermare le proprie radici a dispetto delle altre parti; ma anche coloro, che appartengono al presente e non vogliono sentirsi schiacciati dal passato.

Così, mentre i militanti di cultura rossa si entusiasmano alle parole di Gifuni, gli esponenti moderati del partito prendono le distanze dall’attore e i Giovani democratici manifestano la propria estraneità alla parola “compagno” e alla Festa dell’Unità.

Certamente tali polemiche appaiono sterili agli occhi degli elettori, ovvero l’ennesimo segnale di autoreferenzialità lanciato dal PD. Ma bisogna tener conto che un partito non è solo un organismo politico, un partito è anche una comunità di persone, un gruppo organizzato di donne e di uomini che lavorano sui territori animati da scopi, valori e principi comuni. In altri termini, come in un’impresa, parliamo di cultura organizzativa, di comunicazione interna, elementi che s’incarnano ed alimentano l’identità di un gruppo. E con l’identità non si scherza!

Marina Ripoli

Lascia un commento

Archiviato in newsletter, paRTITI POLITICI, riflessioni politiche

La Nazionale italiana lo specchio di un Paese

La delusione per la brutta figura di una Nazionale che lascia il Mondiale, sconfitta sul campo e fuori, è cocente. E’ cocente tanto più che ho avuto come l’impressione che questa nostra rappresentativa di azzurri fosse lo specchio che riflette in tutto il declino di un Paese che va a pezzi. Una squadra che magari non aveva grandi campioni in campo (non sempre è possibile averne), ma incapace di reagire  edi trovare gli stimoli per buttare il pallone avanti. Una Nazionale senza cuore e senza attributi. E l’Italia intera è un po’ così, senza cuore e senza capacità di risollevarsi. Piegata su se stessa, spesso per colpa dalle caste politiche e non. La Nazionale di calcio è apparsa immediatamente apatica, come apatico è stato tutto il carrozzone mediatico che ha seguito questa competizione. Nessuno credeva che gli azzurri ripetessero il successo di quattro anni fa, tanto più che la Rai, nonostante il tanto sbandierato digitale terrestre e numerosi nuovi canali attivati, del torneo ha deciso di trasmettere una sola partita al giorno. Chi è dotato di satellitare e può ricevere in chiaro i canali stranieri scoprirà che la Germania e la Svizzera i mondiali li stanno trasmettendo per intero. Il nostro servizio Pubblico televisivo, invece, preferisce evidentemente mandare in onda, sul digitale, Canzonissima del 1974. Faccio queste considerazioni per il fatto che, sempre più spesso, ho la sensazione sgradevole che certe scelte, operate da coloro i quali detengono una quota parte di potere decisionale, non vadano per nulla incontro alle esigenze e alle aspettative degli italiani. Un modo di agire che non vale solo per i dirigenti Rai, ma per molti altri settori che dovrebbero preoccuparsi della vita economica, sociale, culturale e lavorativa degli italiani. La Nazionale di Calcio ha fatto lo stesso. I suoi giocatori sono arrivati nel Sudafrica di Nelson Mandela abbacchiati e stanchi per il lungo campionato. Poco convinti e senza stimoli. Sono scesi dall’aereo e, trovando l’inverno africano che non è il nostro inverno, ma sotto l’equatore è comunque un’altra stagione rispetto alla nostra, si sono guardati in faccia l’un l’altro domandandosi: “ma chi ce l’ha fatto fare?” Anche loro, a fronte di una raggiunta agiatezza che non è una certo una colpa, hanno dimenticato le aspettative di milioni di italiani che fanno sempre più fatica a sbarcare il lunario e ad avere un minimo di garanzie per il futuro. Aspettative che sarebbero state assolte semplicemente se qualcuno dei giocatori azzurri avesse deciso di correre dietro a quella palla per tentare di buttarla dentro. Così non è stato…così non sarà per molto tempo, e ahimè temo che si tratti di una regola che non riguarda soltanto il calcio.

Ivan Bavuso

Lascia un commento

Archiviato in riflessioni politiche

Il consulente politico: prima di tutto un Professionista!

Quanto sarebbe utile se anche in Italia si sviluppasse davvero una seria cultura della “consulenza politica”?

Questa settimana mi sono voluto dedicare alla mia più grande passione per contribuire, nel mio piccolo, al suo sviluppo.

Spesso purtroppo tante, forse troppe, persone non sanno che cosa sia realmente la professione del consulente politico ed è per questo che la cosa più importante da fare è spiegare nella maniera più precisa il suo significato.

Innanzitutto parto dal concetto di consulenza: con questo termine si intende la prestazione professionale di un consulente, una persona che, avendo esperienza e pratica in una materia specifica, consiglia e assiste il proprio cliente nello svolgimento di atti, fornisce informazioni e pareri. Compito del consulente è quindi, una volta acquisiti gli elementi che il cliente possiede già, di aggiungervi quei fattori della sua competenza, conoscenza e professionalità che possono promuoverne sviluppi nel senso desiderato; in tale contesto è sostanziale il rapporto di fiducia tra il committente e chi fornisce consulenza. Tale fiducia può fondarsi su un rapporto consolidato, sulla notorietà del consulente o sui titoli accademici e professionali che egli possiede.

Andando ora nello specifico della consulenza politica, è importante sottolineare che essa è quella attività di un soggetto o di un’organizzazione – di norma indipendente – che ha il mandato di interpretare e valutare le condizioni del contesto politico e in tale ruolo analizza, progetta e gestisce l’offerta politica di chi intende candidarsi all’opinione pubblica. Il consulente politico aiuta il suo assistito ad acquisire vantaggi competitivi nei contenuti, nell’organizzazione, nella relazione di consenso con l’elettorato e nella comunicazione, per il fine di distinguersi e posizionarsi in modo ottimale rispetto ai competitori. Come afferma quindi Marco Cacciotto nel suo libro, “All’ombra del potere. Strategia per il consenso e consulenti politici”: «Il ruolo del consulente non è semplicemente quello di scrivere i testi del depliant o di realizzare un bel manifesto, ma di fornire un supporto strategico alla campagna elettorale: analizzare il contesto competitivo, costruire un profilo di identità del candidato, individuare il messaggio e i target della campagna elettorale, scegliere i mezzi più adatti, preparare il candidato alle scadenze più importanti della campagna elettorale. (…) Il ruolo dei consulenti è quello di riconnettere la politica con i cittadini, innovarne il linguaggio, utilizzare al meglio gli strumenti a disposizione.

Da come si evince da queste definizioni, il consulente è prima di tutto un professionista e in secondo luogo può davvero risultare determinante per la vittoria di un candidato.

La difficoltà nel nostro Paese quindi, oltre a quella di far comprendere realmente le potenzialità di questa figura, è quella di far capire la reale differenza tra un professionista e un ciarlatano. È questa la sfida più difficile ma anche più importante. Solo così penso si potrà sviluppare anche in Italia una vera cultura della consulenza politica basata sulla professionalità ed esperienza.

Magari non si arriverà mai al livello degli Stati Uniti… ma almeno ci potremo avvicinare molto!

Luca Checola

 

Lascia un commento

Archiviato in consulenza, newsletter