Archivi tag: elettori

PD Varese: Motivazione e Comunicazione orizzontale

Comunicazione e scambio orizzontale tra circoli, utilizzo dei new media come canali preferenziali, certo… ma soprattutto, punti programmatici in grado di “bucare”. Questa settimana abbiamo incontrato per voi Stefano Tosi, segretario provinciale del PD di Varese e Consigliere regionale per il partito in Lombardia, che ha fatto il punto della situazione sulla strategia comunicativa e sulla strada percorsa del partito nel varesino, oltre che su quelle che saranno le risorse e le tematiche che il partito metterà in campo in occasione delle amministrative 2011. Obiettivo: motivare e far comunicare tra di loro gli elettori.

Il suo mandato sta scadendo: su cosa dovrà investire il futuro segretario in termini di comunicazione per aiutare il partito a livello provinciale?

Sì, siamo alla fine di questa bella esperienza durata tre anni. Credo che tutti possano riconoscermi l’impegno teso alla costruzione di un partito moderno, popolare, dal profilo profondamente riformista. Colgo, quindi, l’occasione, per ringraziare i sostenitori e gli iscritti al PD che non hanno mai fatto mancare il loro indispensabile sostegno. Al futuro segretario auguro, naturalmente, di poter avere più soddisfazioni elettorali di quelle che ho avuto io. In termini di comunicazione, gli consiglierei di investire più risorse in un sistema in grado di rilanciare efficacemente sul territorio, con gli strumenti tradizionali e quelli telematici, pochi messaggi comprensibili da parte di tutti. Sarebbe, inoltre, importante se riuscisse a mettere tutti i circoli territoriali e d’ambiente, gli amministratori locali in rete, al fine di agevolare la comunicazione e la trasmissione fra loro delle esperienze migliori. Gli raccomanderei, infine, di insistere nella comunicazione istituzionale attraverso una forte periodicità delle conferenze stampa e degli interventi presso i mass media locali.

C’è qualcosa che non ha funzionato nella scorsa tornata elettorale a livello di comunicazione politica?

Nell’ultima tornata elettorale, mi pare che, dal punto di vista della comunicazione politica, ci sia stato un netto miglioramento da parte del PD, sia a livello regionale che provinciale. Permane, tuttavia, una sproporzione di risorse tra noi e il centrodestra che, tra l’altro, in provincia di Varese, può schierare, quasi ogni giorno, i suoi maggiori leader nazionali. Malgrado lo sforzo compiuto dai singoli candidati, le risorse che il partito ha potuto mettere a disposizione per la comunicazione sono stati largamente insufficienti. Purtroppo è ampio, rispetto ai nostri competitori, il divario anche su mezzi di propaganda diffusi come la classica pubblicità sugli organi di informazione locale o sulle fiancate degli autobus di linea. In campagna elettorale non siamo riusciti a colmare il gap derivante dai dati elettorali di partenza dei partiti, pur avendo una buona performance come voti di preferenza espressi dalla nostra lista .

Quanto conta per voi l’ascolto del territorio? E come concretamente lo sviluppate?

Per noi l’ascolto del territorio è fondamentale. Lo sviluppiamo, innanzitutto, attraverso i nostri 84 circoli, le 12 Feste e le centinaia di amministratori locali. Stando con i gazebo, quasi ogni sabato e domenica, fra la gente. Per quanto mi riguarda, ho la soddisfazione di avere contribuito a creare una scuola di formazione per i giovani, puntando decisamente anche su Internet, con sito, blog e facebook.

Lei è propenso ad un tipo di campagna elettorale aggressiva – orientata alla denuncia delle inadempienze – dal punto di vista organizzativo? 

Sono convinto che un po’ di aggressività, in campagna elettorale, sia inevitabile. Ma senza esagerare! Gli elettori, infatti, non amano le risse e, ormai, sono abituati a badare al sodo, ovvero alla credibilità delle persone, alla forza della proposta politica ed all’efficacia e chiarezza di alcuni punti programmatici in grado di “bucare”. Molto spesso il nostro schieramento offre messaggi troppo complessi che sembrano lontani dalla percezione di “comunanza” richiesta dall’elettore. Da questo punto di vista, la grave crisi economica che ha colpito il nostro Paese, ha rafforzato la tendenza degli elettori del Nord a rifuggire sempre di più dalle posizioni demagogiche o troppo ideologiche per propendere invece alla ricerca del mix più affidabile di “protezione ed innovazione”.

In vista delle prossime elezioni amministrative locali (Varese, Busto e Gallarate nel 2011, ndr) quali sono le strategie di comunicazione che il PD della Provincia di Varese intende mettere in atto? Vedremo qualche elemento innovativo?

In vista delle prossime elezioni il PD saprà mettere in campo ottime squadre e una strategia di comunicazione non solo innovativa, ma anche efficace. Studi specifici, infatti, dimostrano che sono sempre di più le persone disponibili a cambiare completamente opinione tra una elezione e l’altra. Per questo, il partito deve sapersi attrezzare non solo per riconquistare i propri elettori ma soprattutto per conquistare quelli incerti e coloro che, sempre più spesso, disertano le urne. Ciò non significa scegliere solo gli slogan più efficaci, bensì decidere il messaggio e il tono da utilizzare. In particolare con le prossime misure sulla finanza locale la nostra offerta politica dovrà essere in grado di rappresentare al meglio la comunità locale, il lavoro di miglioramento dei risultati dell’utilizzo delle risorse pubbliche e lo sforzo di risolvere i temi legati all’economia. Creare coalizioni credibili, unire le primarie con la costruzione di programmi forti sono le priorità. Si utilizzeranno nella comunicazione sia i mezzi tradizionali derivanti dal contatto personale diretto che la nuova “rete” resa possibile da internet.

Intervista a cura di Daniela Bavuso

Lascia un commento

Archiviato in intervista, newsletter

PD Lodi: La fiducia si conquista con progetti validi

Questa settimana Spinning Politics ha intervistato Mauro Soldati, Segretario Provinciale del Partito Democratico di Lodi, che ci ha descritto una realtà piccola e consolidata, fondata sulla fiducia nella capacità dell’elettorato di premiare i progetti più validi, e che per vincere, punta sulle capacità e sulla qualità dei candidati nel raggiungimento degli obiettivi: vivere con semplicità e pensare con grandezza nella “bassa”.

Partiamo dalle ultime elezioni amministrative, dove Lodi si è dimostrata una delle poche eccezioni vincenti del centrosinistra lombardo; a tal proposito, quali sono stati i vostri punti di forza, quelli che vi hanno condotto alla vittoria?

La buona amministrazione è la prima cosa che viene valutata dai cittadini, tanto più nelle elezioni comunali, dove gli interventi impattano direttamente con la popolazione, e noi venivamo da un mandato molto positivo, dove risultava evidente che la città era cambiata ed era cambiata in meglio. A ciò abbiamo unito una presenza molto forte tra la gente. Non solo incontri formali, ma anche appuntamenti più semplici, quasi improvvisati, dove con più facilità le persone potevano esprimersi e i candidati fornire le loro idee.

Dalla vostra ultima campagna elettorale si evince il ruolo fondamentale delle relazioni personali sul territorio, come alimentate questo rapporto e la gestione dell’ascolto?

Più che sulle relazioni personali, in questa tornata elettorale abbiamo costruito un rapporto sugli obiettivi da perseguire e sulle capacità e qualità dei nostri candidati, il che rende più semplice una vicinanza che poi si traduce in sostegno. Di sicuro i cittadini hanno maggior capacità di valutazione e comprensione di quanto anche la politica crede. Le elezioni di Lodi ne sono un esempio concreto, con 4 mila persone che nello stesso giorno hanno ad esempio cambiato il proprio orientamento, votando centrodestra alle regionali e centrosinistra alle comunali. Un numero così consistente non può essere risolto solo con le relazioni personali, ma implica una fiducia diversa, più legata alla validità del progetto.

Quale elemento pensavate potesse minacciare il risultato positivo ottenuto alle ultime elezioni amministrative?

Una semplificazione della scelta in campo, sull’onda di temi nazionali, veicolati dai media, piuttosto che sul lavoro fatto e le esigenze concrete del territorio.

Passando ora a parlare di comunicazione politica, quanto pensa che una strategia implementata da un professionista possa influire sugli esiti di voto?

L’improvvisazione non è mai una risposta. Le professionalità sono fondamentali, ma senza l’esperienza e la conoscenza del territorio sono inutili. Di sicuro noi abbiamo bisogno di supporti, ma è altresì fondamentale un impegno diretto di militanti e gruppo dirigente, che esprime anche professionalità in merito. Siamo un partito che ha bisogno di protagonismo e ruoli diretti dei propri militanti e del gruppo dirigente, al fine di sentire nostra la sfida.

Tra le varie pratiche del marketing elettorale, quale pensa possa produrre un valore aggiunto se applicato alla vostra realtà?

La nostra realtà è ancora abbastanza vergine da questo punto di vista. Strumenti in campo ce ne sono, ma non vi è ancora una chiara strategia in merito. Di sicuro la continuità, nei messaggi, nella presenza, nelle proposte, è un elemento che richiede anche adeguati strumenti per essere realizzata, rispetto alla quale stiamo definendo la strada da seguire, anche perché il nostro obiettivo è quello della costruzione di un rapporto con i nostri concittadini, che non può ridursi al solo appuntamento elettorale.

 Intervista a cura di Daniela Bavuso

Lascia un commento

Archiviato in intervista, newsletter, riflessioni elettorali, riflessioni politiche

Le parole della Politica

Quanto contano le parole nella conquista del consenso politico? Cosa evocano? Riescono da sole a tener stretti i voti degli elettori?

Ci sono parole che riecheggiano all’infinito dalle stanze della politica alla carta grigia della stampa, dai salotti delle tv ai comizi nelle strade. Federalismo, Crisi, Giustizia, Libertà, Europa, Lavoro, Immigrati, Decreti, Evasione, Maggioranza e poi Riforme, riforme, riforme… come nuvole di Tag ci rimbalzano davanti agli occhi sempre più grandi, ci riempiono la testa, ci confondono…s’ingarbugliano all’infinito e creano dentro di noi credenze, convinzioni… formamo i nostri giudizi, i nostri voti: e alla fine scegliamo!

E allora corrono – e si rincorrono – i partiti, i politici per accaparrarsi le parole migliori, quelle più forti quelle più “sexi”. Le scrivono nei loro nomi, le gridano sui loro blog, nelle case della gente… si percepiscono distinte nel pastone dei tg, emergono sulle altre nelle pagine dei giornali. Alcune sono tirate come molle da una parte e dall’altra, prendono forme differenti e appaiono diverse alle orecchie di chi le ascolta e agli occhi di chi le legge.

Il termine “Federalismo” ad esempio… per tutti si associa alle parole lega, padania, nord, sud. Ma poi assume connotazioni soggettive, differenti a seconda dei destinatari. C’è chi ascoltando questa parola sente: autonomia, potere, liberazione (dal Sud)… e chi al contrario si sente investito da significati negativi: separazione, squilibrio, sperequazione, marginalizzazione… e altri attributi che suonano come etichette non solo geografiche: meridionali, terroni…

Ci sono altri termini poi… quelli che un giorno sono di destra e un altro sono di sinistra, e viceversa. Quelli che se la crisi politica incombe diventano le leve di una strategia comunicativa di successo: tagli, lotta all’evasione, manovra, riforme. Ah, le Riforme… quelle che si faranno e quelle di cui si parla, si parla, ma non si faranno mai. Parole latrici di concetti come: innovazione, modernità, trasformazione… parole che attecchiscono, si imprimono nella memoria, ma che per il momento sono solo parole…

Ah, la potenza delle parole… universi semantici che richiamano identità, speranze, simpatie… promesse… sì ogni parola è una promessa, un impegno! Ma in politica si sa, le promesse oscillano tra la persuasione e la demagogia. Così, le promesse che sono alla base della fiducia che gli elettori ripongono nei candidati, poi non sempre sono mantenute.

Ecco che le parole s’infrangono, appaiono d’improvviso scatole portatrici di false buone intenzioni. I programmi – addensati di parole – sono dimenticati. I discorsi trasformati. I messaggi cancellati, poi ripresi, riciclati. Le parole svuotate si riempiono nuovamente con le richieste indispensabili, i bisogni necessari di chi deve per forza attaccarsi alle parole… perché di contenuti manco a parlarne!

Marina Ripoli

1 Commento

Archiviato in comunicazione politica, newsletter, riflessioni politiche