Archivi tag: territorio

UDC Cremona: Comunicazione locale!

Questa settimana Spinning Politics ha incontrato per voi Giuseppe Trespidi, Segretario Provinciale per L’UDC di Cremona, che ci ha spiegato quanto puntare l’attenzione sui bisogni della cittadinanza e su un’informazione concentrata a cogliere gli aspetti della vita locale, mirare su una comunicazione orientata a trasmettere messaggi chiari e diretti può garantire un buon livello di contatto col territorio.

Qual è la situazione dal punto di vista identitario dell’Udc in provincia di Cremona?

L’UDC in provincia di Cremona si caratterizza come partito di centro che pone al centro della sua azione l’uomo e la famiglia. Siamo un partito che ritiene che le politiche famigliari non si fanno solo a Roma ma che anche nel nostro territorio è possibile progettarle e realizzarle. Un esempio solo per tutti: in comune a Cremona siamo riusciti a fa passare all’unanimità un ordine del giorno relativo all’introduzione del quoziente famigliare sulle tariffe da applicare ai servizi erogati dal Comune. Siamo un partito che se si deve alleare lo fa con le forze politiche del centro destra, su degli obiettivi precisi, ma che non teme la competizione solitaria.

Quali effetti ha questo sulla vostra immagine percepita?

Non abbiamo sondato la percezione che gli elettori ed i cittadini hanno di noi. Quello che vogliamo trasmettere è un’immagine di partito moderato che ha come riferimento i valori della dottrina sociale della chiesa, che si vuol cimentare con la soluzione dei problemi e non con la sola enunciazione, che vuol dare una prospettiva ai cittadini del territorio, che non ha timore a dire apertamente come la pensa.

Qual è il rapporto tra il suo partito e i mezzi di comunicazione tradizionali, ad esempio con la stampa locale? Come lo alimentate?

Il rapporto con i quotidiani è senz’altro ottimo perché è abbastanza frequente e bidirezionale. In prevalenza ci affidiamo ai comunicati stampa ma ci sono anche le interviste. Il rapporto è discreto anche con le TV locali, anche se meno frequente rispetto ai quotidiani ed ai settimanali.

Tra la presenza di molti leader d’opinione sul territorio e l’utilizzo dei social network, quale secondo lei ha più importanza ai fini della mobilitazione?

La mobilitazione dipende molto da ciò che proponi ai cittadini. Quello che constato è che molto dipende dal rapporto che hanno i nostri responsabili e i nostri militanti sul territorio. Soprattutto laddove siamo presenti è più facile comunicare con i cittadini. Invece laddove non ci siamo proviamo ad utilizzare i mezzi che la tecnologia moderna mette a disposizione: sms, mail, facebook, comunicati stampa, ecc. Anche con questi mezzi si può raggiungere un buon numero di cittadini, però la mobilitazione riesci ad ottenerla in modo soddisfacente solo se oltre ad un buon motivo hai anche un messaggio chiaro e diretto.

Come si pone l’Udc locale rispetto alla linea del partito a livello nazionale in termini di comunicazione politica?

La nostra comunicazione riguarda prevalentemente la politica ed i fatti locali. Raramente ci siamo riferiti alla politica nazionale perché su quella poco si incide con comunicati stampa. Sulla linea politica nazionale si incide quando vengono riuniti gli organi nazionali del partito o con prese di posizione da parte degli organi provinciali del partito.

Credo molto in una attività comunicativa interna al partito, attraverso gli organi che democraticamente si è dato piuttosto che ad una comunicazione fatta attraverso i media.

 

Intervista a cura di Daniela Bavuso

Lascia un commento

Archiviato in intervista, newsletter

UDC Lombardia: il segreto è l’ascolto!

Cercare nuova legittimazione presso un elettorato “stanco delle parole a cui non seguono fatti” e della “politica urlata”; farlo attraverso la presenza sul territorio e la sperimentazione di nuove tecniche di informazione e diffusione dei messaggi politici tramite l’uso dei social network: è questa la via del consenso secondo Enrico Marcora, Consigliere Regionale dell’UDC lombardo, che questa settimana Spinning Politics ha incontrato per voi. Nulla è lasciato al caso, prima di tutto l’ascolto, la prima pietra su cui edificare un solido consenso.

Tre elementi a cui deve le sue recenti vittorie elettorali?

Sostanzialmente uno: la presenza sul territorio.
Due campagne elettorali in meno di un anno sono di certo faticose ma soprattutto hanno rappresentato per me una grande opportunità.
Girando i mercati e le città ho potuto infatti incontrare molte persone: semplici cittadini ma anche imprenditori, persone del mondo dell’economia, della cultura e dell’associazionismo; realtà con cui continuo a confrontarmi perché credo che l’errore più grande che possa fare un politico è quello di essere presente e attivo solo in campagna elettorale e poi eclissarsi nei palazzi delle istituzioni.
Parlando con loro, con l’intenzione di raccogliere consensi e consigli, mi sono accorto che in realtà le cose non stanno come d’intorno si favoleggia.
La gente non è affatto stanca della politica, non è allergica ai valori e alle idee che diventano progetti, è solo stanca delle parole cui non seguono fatti, delle promesse mai mantenute, della politica urlata e dei litigi. E’ preoccupata di non essere più il centro dell’azione dei partiti.
Un secondo elemento è stato forse la capacità di rendere capillare il mio messaggio grazie anche ai social network come facebook, le mail e il sito internet.

Come l’UDC lombardo sta gestendo la comunicazione in questo periodo di crisi interna?

La comunicazione per un partito ha assunto ormai un ruolo fondamentale. È importante far conoscere ai cittadini cosa si fa per loro, come è altrettanto fondamentale ascoltare le loro esigenze. La comunicazione politica deve uscire dal pantano dell’autoreferenzialità in cui è finita. Troppe volte è poco comprensibile e i messaggi sono solo ad uso e consumo della dialettica interna ai partiti. Noi puntiamo ad una comunicazione essenziale, concreta e soprattutto propositiva. La logica del bipolarismo muscolare ha purtroppo intaccato anche la comunicazione, ma di fronte a questa grave crisi economica, che ha gravi ripercussioni sull’occupazione anche nella eccellente Lombardia, il nostro partito punterà sui propri valori fondanti per fornire ai nostri numerosi e potenziali elettori una prospettiva concreta di uscita dalla crisi e un’idea diversa di politica.

Come si prepara l’UDC dal punto di vista della comunicazione alla prossima tornata elettorale (elezioni cittadine di Milano 2011)? E quali sono i maggiori ostacoli da superare e gli obiettivi da raggiungere in termini elettorali?

Continuando a lavorare con serietà, forti della nostra autonomia e dei nostri valori. Abbiamo già individuato alcune priorità programmatiche e alcune idee per Milano, tuttavia sarà importante intraprendere anche campagne di comunicazione volte all’ascolto delle istanze dei milanesi, magari attraverso il nostro sito internet che sta per essere rinnovato. 

Quali sono secondo lei i mezzi migliori per attuare un buon piano di ascolto del territorio?

Insisto nel sottolineare l’importanza del rapporto umano. Io dedico buona parte della mia giornata ad incontrare le associazioni e le realtà che sono attive sul territorio, nasce con le persone un reciproco rapporto di fiducia e solo così riesco a capire quali sono le reali esigenze, confrontarmi e cercare insieme le soluzioni da proporre a livello istituzionale.
Credo che la politica e i politici debbano tornare col loro aspetto migliore tra la gente. Per questo, dopo la nascita del circolo della Costituente di Centro Alcide De Gasperi di viale Espinasse 160 a Milano, sto seguendo con entusiasmo il fiorire in tutta la Provincia di Milano di altre realtà simili.
Luoghi dove le persone che credono in un presente e un futuro migliori e che vogliono operare per il bene comune e del proprio territorio possono incontrarsi e confrontarsi per arricchirsi tutti delle idee degli altri. Uno spazio a disposizione quindi per informare, ascoltare, trovare e proporre quelle soluzioni che sembrano le migliori.

Che rapporto c’è tra il vostro partito e gli elettori indecisi tra centro-sinistra e centro-destra?

È il nostro “mercato elettorale” di riferimento. Questo bipolarismo muscolare ha ingessato il dibattito e le sviluppo del Paese. Le contraddizioni interne ai due maggiori partiti sono sotto gli occhi di tutti e per questo credo che l’interesse verso il nostro partito non potrà che aumentare.

Intervista a cura di Daniela Bavuso

 

Lascia un commento

Archiviato in intervista, newsletter